Dear Commissioner Kroes: who guarantees us that they will really use such margin to invest in fiber?!

novembre 27, 2012 alle 8:24 pm | Pubblicato su CONSUMATORI, DIRITTO, INTERNET, POLITICA, TELECOMUNICAZIONI | 3 commenti
Tag: , ,

Di seguito tutto quello che ho detto e quanto avrei voluto dire (ma il tempo è sempre tiranno) oggi alla conferenza ECTA, nel Panel High speed broadband: targets, cost reductions,  investment, regulation and pricing moderato da Fabio Colasanti, Presidente dell’International Institute of Communication, e con: Luigi Gambardella, Chairman di ETNO, Hartwig Tauber, Director-General FTTH Council Europe, Erzsebet Fitori, Director ECTA Brussels office, Leonidas Kanellos, Chairman del BEREC dal 2013 etc etc

I go back to the enlightening introduction of Mr Colasanti on un-contentious issues:

–          There is apparently a very large consensus among different stakeholders about the desirability of a rapid deployment of high speed networks, such agreement is reflected in the ambitious targets of the European Digital Agenda.

–          We all agree on the need of new online public services, development of e-skills, greater availability of content, all measures aimed at supporting the demand for high speed networks, although the argument of the lack of demand has been used too often as a justification for not investing appropriately in NGA …

–          we also agree on all those measures aimed at reducing the cost of deploying high-speed networks

WE – as consumers – DO NOT AGREE AT ALL INSTEAD on the necessety to keep artificially high the cost of copper unbundled loops or, even worse, to rise it – as I read in a recent article in one of the most important Italian newspapers, reported as a rumor coming from the Commission, which I hope will be clearly denied today!

–          In our opinion keeping high price of copper is not only contrary to the interests of consumers but, above all, it is in contrast with the general interest in the development of high speed broadband, as it will likely discourage investment in fiber.

–          We quite understand that the incumbents (and who provides them with the necessary money) want to have a certainty and assurance on the return of their investment in fiber but, on the other hand, their claim that price of copper is kept artificially high so that margins can be secured to invest in fiber seems to us somewhat peculiar.

–          In short: who guarantees us they will really use such margin to invest in fiber? If the copper is over remunerated why incumbent should never roll out the fiber? …. instead of using such inflated margin for example to recovering their debts …

How can we solve such enigma?

–          First of all I want to make it clear that the problem is not created by the incumbents around Europe, we do not have anything against them: putting myself in their shoes with a copper network fully amortized on which I no longer have to invest, only maintain, I would probably not embark myself on a complex investment to create a new fiber network, with the risk that this would entail in terms of return on investment and a number of other new dynamics in the relationships with all the competitors to take care of.

–          So the problem is not with the incumbents but with policy makers in Europe and Member States who should find the strength and courage – even before the technical solutions – to facilitate (and impose if needed!) in the public interest, choices of industrial policies indeed crucial for our future

–          In fact, if the increase in high speed broadband penetration and the laying of fiber is essential in the Digital Agenda strategy, since it can enable on the one hand, a more participatory and modern democracy and, secondly, an economic development with a considerable growth in GDP that can assume a countercyclical role in times of crisis, it appears to me without any doubt that the public interest should prevail over the legitimate but short-term and all turned on themselves interest of investors and incumbents.

–          In a provocative way it could be said that incumbents have never built up a network with their money: the fixed networks have been built by the States, while the mobile networks were rewarded with the mobile termination rates. With the fiber it would be therefore their first time to invest in a network! You may understand now why am I urging national governments and European Commission to “impose it” to incumbents by the typical instruments of a strong public policy.

–          The Commission is risking to take a completely different approach when it comes to copper remuneration as compared to the approach it was taken with regard to mobile termination rates – position of the Commission that we appreciated, shared and supported in that occasion !

–          Isn’t it illogic, obsolete, anti-economic to keep high prices of copper? Isn’t it endangering the future competition in the market and driving to a re-monopolization?

–          Isn’t it against consumers’ interest? End consumers at the end of the day, as always happens, will pay for the rising of the wholesale costs of unbundling with its downstream effects end … economic crisis is a problem also for consumers not only for incumbents …

–          Placing an entrepreneurial risk fully on consumers’ shoulders sounds good to you?

Qui invece trovate lo speech della Commissaria Neelie Kroes alla Conferenza di ECTA e qui un commento di Inno Genna: Kroes: l’ho fatto perchè me lo hanno chiesto gli investitori

Unbundling a 10 Euro! ma fanno sul serio?

novembre 20, 2012 alle 10:42 am | Pubblicato su CONSUMATORI, DIRITTO, INTERNET, TELECOMUNICAZIONI | Lascia un commento
Tag: , , , ,

Non so quanto i rumors riportati in questo articolo di Repubblica circa la riunione della scorsa settimana tra la Commissaria Kroes e il BEREC corrispondano effettivamente al vero ma di certo portare l’unbundling a circa 10 euro vuol dire alzare ulteriormente l’asticella rispetto al mantenimento dei 9 Euro fino al 2020 annunciato a luglio, che aveva già fatto tanto discutere …

Penso proprio che il Panel High speed broadband: targets, cost reductions,  investment, regulation and pricing della Conferenza ECTA di martedì prossimo, alla quale mi hanno invitato a parlare, sarà abbastanza concitato, prepariamoci !

Sulla sovraremunerazione del rame ho espresso più volte su questo blog e altrove tutte le mie perplessità. Ora vorrei aggiungere sommessamente che addossare un rischio imprenditoriale completamente sulle spalle dei consumatori – perchè alla fine l’aumento dell’unbundling con i suoi effetti a valle lo pagheremmo noi eh – non mi suona per niente bene e a voi ?

Garanzia Apple: ora il numero verde 800915904 è attivo e risponde in Italiano!

novembre 16, 2012 alle 10:44 am | Pubblicato su CONSUMATORI, DIRITTO, INTERNET | 13 commenti
Tag: , , ,

Dopo la nostra segnalazione di ieri all’Antitrust il numero verde per l’assistenza 800 915 904, indicato sul sito della Apple nella parte relativa alla garanzia, ora è attivo. Bene,! ne verificheremo al più presto il funzionamento.

 

Hi, You’ve reached a not working number at Apple!

novembre 15, 2012 alle 3:35 pm | Pubblicato su CONSUMATORI, DIRITTO, INTERNET | 3 commenti
Tag: , ,

  Come dicevo ieri abbiamo accolto favorevolmente le modifiche apportate da Apple circa le informazioni precedentemente ingannevoli presenti sul proprio sito web per quanto riguarda la garanzia di conformità dei prodotti …. epperò epperò ecco cosa risulta dalle nostre prime verifiche:

 dalle nostre prime verifiche, risulta che al momento l’assistenza sia praticamente inesistente. Una volta composto il numero verde 800 915 904, segnalato sul sito della Apple nella parte relativa alla garanzia, dall’altro lato risponde una voce automatica che recita “Hi, You’ve reached a not working numebr at Apple!”. Questo avviene per due volte di seguito, quindi la linea cade senza che il consumatore abbia ricevuto le informazioni desiderate. Abbiamo segnalato questa procedura all’Autorità garante della concorrenza e del mercato, affinché solleciti Apple ad attivare il numero verde e il servizio di assistenza corrispondente.

Qui potete leggere quest’ultima segnalazione

Eliminato in Italia il vizietto di Apple sulla garanzia biennale, non ancora nel resto d’Europa

novembre 12, 2012 alle 5:13 pm | Pubblicato su CONSUMATORI, DIRITTO, INTERNET | 2 commenti
Tag: , , , ,

E’ stata una battaglia lunga intensa e defatigante, fianco a fianco con l’Antitrust ma finalmente la nostra testardaggine sembra cominciare a dare i suoi frutti: sui diritti primari dei consumatori non si debbono e non si possono fare sconti a nessuno.

Leggi l’update sulla vicenda garanzia biennale di conformità di Apple sul sito di Altroconsumo:

Buone notizie per chi decide di acquistare un prodotto Apple sul sito italiano o in uno degli Apple store in italia. L’azienda di Cupertino ha modificato le informazioni ingannevoli presenti sul suo sito italiano riguardo la garanzia di conformità dei prodotti. Chiediamo che la stessa modifica venga fatta anche nel resto d’Europa dove, per il momento, tutto è rimasto invariato.

Dopo oltre un anno di battaglie legali, finalmente Apple ha deciso di rispettare la garanzia biennale di conformità sui propri prodotti. Sul sito italiano di Apple, infatti, sono state modificate le informazioni ingannevoli relative alla garanzia. Adesso viene detto chiaramente che la garanzia commerciale AppleCare Protection Plan si aggiunge ai due anni garantiti dal venditore, come previsto dal Codice del consumo, e non viceversa.

Verificheremo che l’informazione venga data correttamente
Consideriamo questa una vittoria di Altroconsumo e dell’Antitrust, per la quale ci siamo intensamente impegnati da oltre un anno. Accogliamo in maniera favorevole le modifiche apportate da Apple, ma ora verificheremo che agli annunci seguano i fatti e che quindi nei negozi Apple si cominci a informare correttamente i consumatori sui loro diritti. Riteniamo, in ogni caso, ci sia ancora tanto da fare, soprattutto in ambito europeo.

Chiediamo un adeguamento anche nel resto d’Europa
Assieme al Beuc, l’organismo che riunisce le associazioni dei consumatori europee, e altre 11 associazioni di consumatori che, insieme ad Altroconsumo, hanno lanciato già da diversi mesi un’azione coordinata con diffide preliminari ad azioni inibitorie in molti Stati membri e segnalazioni alle Autorità competenti, chiediamo che ora l’azienda di Cupertino modifichi la propria politica sulla garanzia legale anche nel resto d’Europa dove, al momento, le condizioni non sembrano aver subito modifiche.

Segnalano infatti colleghi spagnoli, portoghesi, belgi, polacchi etc etc che sui siti web Apple dei loro Paesi il vizietto sulla garanzia biennale persiste …  

 

Spot tv Nunella: Altroconsumo vs Tata Lucia – update

novembre 9, 2012 alle 1:35 pm | Pubblicato su CONSUMATORI, DIRITTO | 1 commento
Tag: , , , ,

Avete visto lo spot tv per la nutella di Tata Lucia ? Lo trovate anche qui su Youtube.

Altroconsumo lo ha segnalato all’Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria per queste ragioni

Il ricorso lo trovate qui.

Update qui:

La risposta dell’Istituto dell’autodisciplina pubblicitaria
In seguito alle nostre segnalazioni, lo spot in tv ha subito alcune modifiche. La nuova versione non contiene più la contestata dicitura “Tata Lucia, esperta di educazione familiare” e propone l’invito, tra le regole della buona colazione, a variare la scelta degli alimenti ogni giorno e a consumare “per esempio” la Nutella. Il vecchio spot, inoltre, è stato anche rimosso dal canale YouTube dove era ancora disponibile. Nonostante le rassicurazioni dell’Istituto dell’autodisciplina pubblicitaria, secondo cui gli aspetti non conducono a una scorretta decodifica del messaggio e che ha archiviato il caso, le modifiche non ci convincono. Lo spot, infatti, continua a far leva su una determinata fascia di pubblico utilizzando un testimonial che, nell’immaginario collettivo, è ritenuto affidabile. Le modifiche apportate, in definitiva, non sono a nostro parere sufficienti per ritenere la comunicazione non ingannevole.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.
Entries e commenti feeds.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: