Stop al cyberbullismo … ma anche alla tecnofobia e alla demonizzazione della Rete

aprile 6, 2011 alle 11:51 pm | Pubblicato su CONSUMATORI, DIRITTO, INTERNET | Lascia un commento
Tag: , , , , , ,

Venerdì mi hanno invitato a parlare a Parma a questo convegno sul tema del cyberbullismo e sto cercando di approfondire un pò di più la questione. Le nuove tecnologie e, in particolare, Internet costituiscono strumenti formidabili per lo sviluppo della persona e della società, purtroppo però la loro grande potenza e pervasività possono consentire a comportamenti aggressivi e devianti, come nel caso del bullismo, di divenire ancor più preoccupanti e pericolosi.

Il dibattito sul cyberbullismo ha recentemente conquistato le prime pagine dei giornali grazie all’appello video lanciato dal Presidente Obama e dalla First Lady Michelle che vedete qui sopra: “Per lungo tempo il bullismo è stato considerato parte inevitabile della crescita ma sempre più vediamo quanto possa essere nocivo per i nostri ragazzi specialmente se continua anche al di fuori dalla scuola, con il telefono e il computer. E’ qualcosa a cui teniamo non solo come Presidente e First Lady ma come genitori. E’ duro essere ragazzi oggi. I nostri figli meritano di imparare e di crescere senza essere criticati, senza essere fatti oggetto di scherno o ancora peggio …”

Come ha evidenziato correttamente la coppia presidenziale statunitense il cyberbullismo costituisce dunque l’evoluzione tecnologica di un fenomeno già ben noto, e, partendo proprio da tale constatazione, l’approccio del manuale “Stop al Cyberbullismo” di cui si parlerà a Parma il prossimo 8 aprile nell’ambito della tavola rotonda “Fenomeni di bullismo e tecnologie digitali” mi sembra essere particolarmente apprezzabile in quanto rifugge alla facile tentazione di demonizzare Internet e le nuove tecnologie.

Capita infatti sempre più spesso, soprattutto in alcuni dibattiti televisivi, di ascoltare beceri luoghi comuni con sottofondo di tecnofobia dirompente relativi ai social network, in particolare Facebook e Twitter, volti in realtà a demonizzare Internet nel suo tutto senza fare alcuna distinzione tra il mezzo e i contenuti, senza neanche provare minimamente ad interrogarsi sulle potenzialità (e anche sui pericoli – per carità – le nuove tecnologie hanno anche i loro lati negativi) di uno strumento che sta comunque cambiando il mondo.

Anche per quanto concerne il cyberbullismo, l’approccio più corretto e probabilmente premiante per combatterlo con successo parte dalla consocenza necessaria di questi nuovi strumenti, e si parte in salita perchè quasi sempre gli adulti, sia nella veste di genitori sia di insegnanti, hanno meno dimestichezza con Internet, social network, chat etc. dei loro figli o alunni. Dobbiamo allora evitare di vietare ai nostri ragazzi di utilizzare le nuove tecnologie, dobbiamo invece cercare di scoprirle con loro. D’altra parte, educare alla libertà significa anche fare consocere loro l’altra faccia della medaglia: la responsabilità dei nostri comportamenti, anche e soprattutto in Rete, vista la potenzialità moltiplicativa degli effetti insita nella pervasività del nuovo medium.

Senza responsabilità non può esserci neanche libertà, se non passa questo concetto, se le nuove generazioni, al di là della dei precetti giuridici, non lo fanno intimamente proprio, uno dei rischi è che si introduca un pericoloso approccio, quello di rendere responsabili gli intermediari (vedi in tal senso la sentenza Google Vividown) che significherebbe lo snaturamento di Internet con il risultato di perderne anche gli aspetti più apprezzabili in termini di sviluppo delle libertà e della società.

Lascia un commento »

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.
Entries e commenti feeds.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: