Quante anime ha l’AGCOM ?

gennaio 24, 2011 alle 8:54 am | Pubblicato su CONSUMATORI, DIRITTO, INTERNET, PROPRIET INTELLETTUALE | 1 commento
Tag: , , ,

Fulvio Sarzana di Sant’Ippolito rileva sul suo blog che:

L’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha annunciato con grande clamore mediatico la presentazione di un libro bianco sui contenuti digitali  che avverrà il 26 gennaio 2011 nella sua sede Romana.

Il libro bianco, già disponibile sul sito dell’Autorità   dedica ben 16 pagine  al tema del diritto d’autore nelle reti digitali.

Il  paragrafo dedicato al diritto d’Autore riserva delle vere e proprie sorprese.

La prima sorpresa.

Nonostante sia stata approvata dal Consiglio dell’Autorità il 17 dicembre scorso una delibera contenente i lineamenti delle competenze in tema di diritto d’autore sulle comunicazioni elettroniche e sia tuttora  in corso una consultazione in tema di diritto d’autore avviata  dall’Autorità che, come è noto introduce meccanismi molto “invasivi” di cancellazione dei contenuti ritenuti in grado di violare il diritto d’autore, e nonostante  il Libro Bianco  affronti espressamente anche la situazione italiana non vi è nemmeno una riga sulla delibera  della stessa AGCOM, a quasi un mese e mezzo dal lancio della consultazione.

Nulla di nulla. Perché questo? Per dimenticanza?

Bella domanda Fulvio! qualcuno sa rispondere ? …. Ma non è tutto

Seconda sorpresa.

Nell’analizzare le esperienze degli altri Paesi l’AGCOM menziona espressamente tutte le iniziative estere in tema di diritto d’autore nel contesto digitale , e, segnatamente le iniziative normative già adottate negli Stati Uniti con il Digital Millenium Copyright Act, quelle in divenire della Gran Bretagna con il Digital Economy Act, la presentazione del disegno di legge “economia sostenibile” in discussione in Spagna, l’istituzione dell’Autorità HADOPI in Francia, avvenuta con legge dello Stato, il disegno di legge brasiliano in tema di riforma del diritto d’autore.

Ebbene tutte le norme dei paesi citati, alcune delle quali in effetti ipotizzano scenari di risoluzione delle controversie sui contenuti nelle reti digitali anche innovative sono, come è evidente ed agevole analizzare  leggi dello Stato, adottate o da adottare nel contesto di un dibattito Parlamentare, dopo aver ponderato attentamente le istanze di tutti gli attori del processo e dopo aver valutato con attenzione l’introduzione di meccanismi di cancellazione o di inibizione che possono incidere sui diritti fondamentali di accesso ad internet di tutti i cittadini italiani.

Tutte tranne una.

La norma Italiana, che non esiste e che  non è mai stata presentata in Parlamento e che è sostituita allo stato attuale da una Delibera di un’Autorità Amministrativa, seppur qualificata, che si è dimenticata di averla approvata  un mese e mezzo dopo,  prima e al di là di qualsiasi controllo da parte  del Parlamento.

Aggiungo sommessamente io che nelle prime pagine del Libro Bianco, nella Nota del Curatore, si legge inter alia:

Infine, ed è questa la domanda che fa da sfondo a tutto il lavoro: in questo grande universo in trasformazione, in cui persino la dimensione geografica nazionale appare inadeguata, c’è sempre bisogno di un level playing field? C’è conseguentemente un ruolo per la regolamentazione? La risposta è certamente affermativa, ma il dubbio in questi casi è che le soluzioni da adottare con gli strumenti attuali possano essere inadeguate o arrivare in ritardo rispetto a dei cambiamenti così rapidi e sconvolgenti. A questo scopo, l’Agcom ha aperto mesi fa, mostrando grande sensibilità e lungimiranza, una indagine conoscitiva su questi temi allo scopo di realizzare un Libro Bianco. Il risultato è una ricognizione sistemica e a 360° su un universo dai contorni incerti e in continua rapida evoluzione. In questa prospettiva, va peraltro sottolineato come il Libro Bianco non abbia la pretesa di fornire delle soluzioni definitive, ma rappresenta solo il primo passo necessario per affrontare, con rigore e piena consapevolezza di ruoli e compiti, la più grande sfida che attende il Regolatore di settore nei prossimi anni.

Bene bene ! leggerò con estremo interesse il Libro Bianco AGCOM e penso proprio che troverò in esso molti spunti interessanti per rispondere alla Consultazione pubblica su lineamenti di provvedimento concernente l’esercizio delle competenze dell’autorità nell’attività di tutela del diritto d’autore sulle reti di comunicazione elettronica. dell’AGCOM stessa😉

1 commento »

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

  1. […] Gran Bretagna con il Digital Economy Act, la presentazione del disegno di legge economia …read the full article here Post Information Rate this Post:  Loading … Written by Frank, Filed under: Digital […]


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.
Entries e commenti feeds.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: