‘Ndo dì de andà ?? – ovvero Nonna Silvana, il navigatore e ‘l pizzardò ?!

agosto 30, 2010 alle 5:47 pm | Pubblicato su CONSUMATORI, LE POESIE DI NONNA SILVANA | 2 commenti
Tag: , , ,

I navigatori satellitari, come si vede nel video qui sopra di Altroconsumo non sono strumenti infallibili, soprattutto se le mappe non sono adeguatamente aggiornate, me ne sono personalmente accorto quest’estate mentre percorrevo il Passante di Mestre  ed il GPS imperterrito mi consigliava di buttarmi di sotto o fare inversione a U e tornare indietro !😉

A grande richiesta ecco allora uno nuova poesia in dialetto anconetano del vasto repertorio di Nonna Silvana.

Immaginare la mia mammina che comincia a litigare con un navigatore e finisce per litigare con un Pizzardò, per me, non ha prezzo😉

PS: per agevolare la comprensione del testo, come ci spiega qui bene Wikipedia  Il pizzardone (pizzardóne in romanesco, pizzardó nei dialetti marchigiani centrali, pizardó in anconitano) è il nome con cui si identificano i vigili urbani in diverse zone dell’Italia centrale. Nel dialetto milanese corrisponde alla parola ghisa, nel dialetto torinese alla parola civich, nel dialetto genovese alla parola cantunè e nel dialetto triestino alla parola tubo, dalla tipica forma del cappello.

‘Ndo dì de andà ??

Cu l’idea de ‘prufità

dei mezi che ofre la mudernità

me sò mesa in viagio !

Era tanto tempo

che ciavevo voja

de visità quela cità

ma p’arivace nun sapevo

quale strada pià …

sò partita uguale

e me so fata aiutà

dal “navigatore satelitare” !

‘Na voce saputona

m’a ‘ncuminciato a cumandà …

gira a destra … va de là

torna indietro …

lì nun se pole indà !

Trenta metri tuta drita

Pò a sinistra ài da svultà !

Io guasi in sugeziò

andavo a destra e a sinistra

senza reaziò

fino a quanto ‘ntun cruciale

ò truvato un bloco stradale

a l’ALT del pizzardò

me so fermata senza esitaziò

ma … continuava a cumandà

el satelitare inzistente

perchè del pizzardò a lù

nu jene fregava gnente !

Intontita da la voce rombante

ò reagito da ignurante …

e mentre cun fermeza

el mandavo a qul paese

‘ntel finestrì

s’è faciato el pizzardò …

pogo curtese

che penzando la reaziò mia

fosse rivolta a lù

de la machina … senza grazia

m’à fatu calà giù !!

Cuscì pe’ tratà

a l’intiga la mudernità

in galera ò rischiato de ‘nda !!!

Silvana Tittarelli Pierani

2 commenti »

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

  1. marco ti ricordi il vedcchietto che disse bloccato in corso garibaldi: ME L’HA DETTO IL PIZZARDO’?!!!!!!!!

  2. Siavero, ricordo qualcosa del genere ma non precisamente, è la vecchiaia😉 per favore aiutami a recuperare meglio i dettagli della vicenda …


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.
Entries e commenti feeds.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: